Counseling Psicologico

Perché una Scuola di Psicologia e non di Psicoterapia?

L’Art.1 dell’Ordinamento della professione di psicologo, Legge 56/89, dice:

La professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.

Allo psicologo, per legge, vengono quindi riconosciuti precisi ambiti di intervento professionale con persone, gruppi ed organizzazioni. Interventi che non riguardano la “malattia mentale” e la “patologia”, come invece avviene parlando di psicoterapia.

Riportiamo qui di seguito alcune voci, tratte dal “Tariffario della professione di psicologo”, che esemplificano possibili ambiti di intervento trattati all’interno della nostra Scuola:

Colloquio anamnestico e psicodiagnostico individuale, familiare o di coppia

Analisi, definizione e stesura di una relazione psicodiagnostica o di un profilo psico-attitudinale

Valutazione neuropsicologica

Somministrazione e interpretazione di vari test psicologici

Colloquio di sostegno psicologico individuale, di coppia e alla famiglia su problemi psicologici

Programmazione di training individuale o collettivo per disturbi dell’apprendimento scolastico

Rieducazione funzionale di specifici processi o abilità cognitive

Tecniche espressive individuali e di gruppo con finalità terapeutico-riabilitative

Colloquio individuale per l’orientamento scolastico e di counseling psicologico agli studenti di scuole superiori C.I.C., al singolo o alla classe

Consulenza, promozione e attivazione di processi di empowerment individuale e organizzativo

Programmazione, organizzazione e attivazione di ricerca-intervento

Interventi di promozione della salute e del benessere per individui, gruppi ed organizzazioni

La Psicologia e lo psicologo hanno una propria dignità professionale e precisi spazi di intervento riconosciuti per legge.

L’avvio della professione di psicologo è sicuramente complesso ed impegnativo, ma non dipende dall’essere o meno “terapeuti”, quanto dal padroneggiare gli strumenti della professione e dal sapersi proporre in modo efficace nel mercato del lavoro.